snapchat

Snapchat, calo di download del 22 percento

Condividi:

In molti sostengono a spada tratta Snapchat e le sue particolarità. Che poi vengano copiate e aggiunte (alcune pure migliorate) in altre piattaforme è un altro discorso – ogni riferimento a Instagram Stories è voluto. Ora però Snapchat, a pochi mesi di distanza dalla quotazione in borsa dell’azienda di proprietà, Snap, inizia a dare segnali negativi. E non intendo a livello economico, non direttamente almeno. Secondo quanto riportato da CNBC, recenti dati provenienti da SensorTower, azienda di monitoraggio dati delle app, Snapchat avrebbe registrato nei primi due mesi del Q2 2017, quindi tra aprile e maggio, un netto calo nei download rispetto allo stesso periodo del 2016.

snapchat
Fonte immagine: TeroVesalainen https://pixabay.com/it/users/TeroVesalainen-809550/

Certo non si tratta della parola fine per la piattaforma, che nonostante questo elemento negativo può vantare una comunità di utenti molto attivi e fortemente sostenitori della stessa piuttosto che delle concorrenti, nonostante le feature siano praticamente identiche. D’altra parte però, stiamo pur sempre parlando di un calo di download del 22 percento rispetto ad aprile-maggio 2016. L’analista Nomura Instinet Anthony DiClemente ha sottolineato, per contro, la tendenza di crescita di Instagram anno dopo anno nello stesso periodo. Questo potrebbe voler dire che la strategia di Facebook, Inc. sta funzionando, e che quindi la concorrenza stia cominciando a danneggiare seriamente Snapchat.

Non metterti contro Facebook

La tendenza che i dati in oggetto sembrano mostrare è molto chiara. Il verdetto è il medesimo: oggi non è possibile sfidare Facebook (e vincere). Sino all’introduzione di Instagram Stories prima, e delle storie su praticamente ogni piattaforma Facebook, Snapchat sembrava essere il perfetto anti-Facebook. L’utenza della piattaforma dell’app con l’icona del fantasmino è storicamente per la maggior parte composta da teenagers, gli stessi teenagers che fuggono da Facebook per la mancanza di formati per contenuti leggeri, per l’utenza per contro troppo avanzata anagraficamente.

Ora però, considerata anche la forte crescita di Instagram Stories (200 milioni di utenti, quindi superato Snapchat) sembra che Facebook stia riuscendo, seppur lentamente, a reindirizzare questa tipologie di utenti su un’altra piattaforma di proprietà: Instagram. Questa è infatti la piattaforma che, nell’ecosistema Facebook, più somiglia per caratteristiche a Snapchat, essendo fortemente incentrata sui contenuti visuali. Certo ci sono molte differenze, ma la possibilità per esempio di postare sia contenuti permanenti che temporanei, offerta da Instagram, potrebbe essere una delle chiavi del successo di Instagram. Staremo a vedere come si evolverà la situazione nei prossimi mesi.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *